La transizione dal paganesimo al Cristianesimo avvenne in maniera graduale per mezzo dell’assimilazione delle ancestrali festività pagane alla nuova religione monoteistica. Un perfetto esempio di tale processo è la festa di Ognissanti che affonda le proprie radici nella tradizione pagana dei Celti, per i quali il 1° novembre rappresentava l’inizio della stagione invernale, che in un certo senso segna la morte della natura. Continua a leggere per scoprire come questa festività pagana si trasformò in una solennità cristiana.

 

I. Papa Bonifacio IV stabilì il 13 maggio come giorno di commemorazione dei martiri, convertendo per l’occasione il Pantheon — anticamente il tempio consacrato a tutti gli dei pagani — in chiesa della Madonna e di tutti i martiri, conosciuta come S. Maria ad martyres. Un secolo più tardi, fu la volta di Gregorio III di dare il passo successivo: questo Papa istituì dentro la basilica di S. Pietro un oratorio dedicato non solamente a tutti i martiri, ma anche agli apostoli e confessori. Nonostante fosse già presente dal quarto secolo nei rituali della chiesa antiochena, la celebrazione di Ognissanti fu finalmente fissata al 1° novembre nel 835 da Gregorio IV, e successivamente estesa a tutto l’impero carolingio da Ludovico il Pio.

 

Pantheon Sancta Maria ad Martyres, comunemente denominata Pantheon. 

 

II. Secondo quanto detto da Urbano IV, Ognissanti è stata istituita con il fine di sopperire alle mancanze presenti nella celebrazione dei santi durante l’anno. Al pari di feste del calibro di Pasqua e Natale, è considerata una festività di primo rango; ragion per cui non solo viene celebrata da una messa vigilare, ma per disposizione del Papa Sisto IV ha anche l’ottava. Così annunciava il Pontefice il 24 novembre 1792:

[...] col desiderio di placare Dio nella Solennità di tutti i Santi, per tutta l’ottava abbiamo voluto si facessero nuove suppliche e preghiere nelle moltissime chiese aperte della città [Roma] e si usassero come rimedi dei mali le stesse tribolazioni, come dice il re profeta: «Essendo tribolato, gridai al Signore ed Egli mi esaudì». Così, attraverso le tribolazioni, si trae molto profitto perché per mezzo di esse la misericordia Ci chiama a sé; esse alimentano le virtù e le irrobustiscono, frenano i sentimenti disordinati, proteggono l’innocenza, ispirano santi desideri e Ci rendono accetti agli occhi di Dio.  

 

III. Fa parte del ciclo di tre giorni di celebrazioni, che include Halloween (31 ottobre), Ognissanti (1º novembre) e, infine, il Giorno dei Defunti (2 novembre). Halloween? Sì, anche se viene considerata una festa non religiosa, Halloween è connessa al Cristianesimo. Il suo nome lo indica: Halloween corrisponde alla versione contratta dell'originario “All Hallows Eve”, ovvero “Vigilia di tutti i Santi”. 

Ognissanti - Medaglie dei santi

 

E tu, hai intenzione di commemorare la Patrona o Patrono? Dài un’occhiata alla nostra estesa collezione di medaglie e statue di Sante e Santi, fatti a mano in Italia, utilizzando solo materiali di grande qualità. Provare per credere.

Scopri come nascono le nostre medaglie nel nostro articolo dedicato all'Arte del Conio italiano.→