Come lo suggerisce la parola stessa, il termine “Rinascimento” deriva da “rinascita”, e sta a indicare la risurrezione intellettuale, culturale e scientifica dell’Europa dopo i cosiddetti Secoli Bui, in altre parole il Medioevo. Non è un segreto che l’Italia, e più ancora Firenze e Toscana furono la culla di questo fermento. Quest’ultima, infatti, fu la regione che diede vita a una miriade di personaggi brillanti, dotati di un gran talento. Tra di loro figura anche il nostro protagonista: Luca Della Robbia.

Nato e cresciuto a Firenze, non solo è considerato il primo artista ad aver utilizzato sulla scultura la tecnica della smaltatura (fino a quel momento essa era impiegata dai ceramisti per produrre le comuni ceramiche), ma fu anche il capostipite della dinastia dei Della Robbia, celebri per il loro innovativo e unico stile.

Il processo ideato da Luca si scandiva in più fasi: dapprima, l’argilla era modellata a mano; una volta asciutta, era fatta cuocere per la prima volta; poi, dopo aver ricevuto lo strato di smalto (la famosa invetriatura, appunto), era cotta in forno una seconda volta.

L’originalità dell’invenzione di Luca Della Robbia consiste sia nell’aver utilizzato per primo un materiale notevolmente meno costoso degli usuali marmo e bronzo per la scultura, sia nell’aver reso così possibile la sua permanente policromia. Il formato ricorrente tra i lavori dell’artista fiorentino è la rondella, di consueto decorata con una cornice di frutta. È sorprendente scoprire che la scelta dei frutti non è per nulla causale – ognuno di loro ha uno o più significati. Per esempio, stando ad alcune interpretazioni, le pigne, i citrici e i grappoli d’uva simbolizzano rispettivamente la virtù, la salvezza e la resurrezione.

Dai un’occhiata alla nostra collezione di quadri sacri: daranno un tocco rinascimentale al tuo focolare. Grazie al lavoro rigoroso e raffinato dei nostri artigiani, il soggetto sublime e i colori accesi saranno la scelta giusta per il tuo salotto o la tua stanza da letto.