La Quaresima è il periodo penitenziale che permette al fedele di prepararsi alla Pasqua. Documentato per la prima volta durante il Concilio di Nicea, nel 325 d.C., si osservava già prima di quella data. 

Papa Francesco. Mercoledì delle Ceneri nei pressi della Basilica di Santa Sabina.

Papa Francesco. Mercoledì delle Ceneri nei pressi della Basilica di Santa Sabina sull'Aventino.

 

CHI DEVE OSSERVARE LA QUARESIMA?

In origine, la Quaresima fu la stagione preparatoria al battesimo (anticamente i catecumeni erano perlopiù adulti), mentre oggigiorno tutti i Cristiani sono chiamati a osservare i quaranta giorni di digiuno e astinenza.

 

QUANDO INIZIA LA QUARESIMA?

Secondo la prassi romana, la Quaresima comincia il Mercoledì delle Ceneri e termina sei settimane dopo, in concomitanza con il Giovedì Santo.

Tecnicamente il periodo penitenziale dura 46 giorni. Tuttavia, essendo la domenica il giorno del Signore e quindi del riposo essa non viene inclusa nel conteggio. Perciò, la durata ufficiale del periodo quaresimale è di 40 giorni. Quest'anno comincia il 6 marzo e termina il 18 aprile.

 

Mercoledì delle Ceneri

L'imposizione delle ceneri.

 

QUALI SONO GLI OBBLIGHI?

Il carattere penitenziario consiste nell’astenersi da certe pratiche, evitare determinati cibi, fare elemosina e pregare. Per esempio, nell'attualità alcuni cristiani decidono di smettere di usare le reti sociali e rinunciano ad altri passatempi per allenare l’autodisciplina e sentirsi più vicini alle sofferenze di Gesù.

E mentre per i cristiani cattolici l’astinenza dalla carne si limita ai venerdì quaresimali e al mercoledì delle ceneri, la chiesa ortodossa impone un digiuno decisamente più rigido — più simile ai precetti della chiesa delle origini — che esige anche l’astensione dall'alcool, uova e latticini.


Lotta tra Carnevale e Quaresima, Bruegel il VecchioLa personificazione della Quaresima. Dettaglio del quadro "Lotta tra Carnevale e Quaresima" di Bruegel il Vecchio.

 

PERCHÉ OSSERVIAMO LA QUARESIMA?

Come già accennato in precedenza, la Quaresima è utile in quanto è uno strumento di penitenza preparatorio alla festa della Pasqua cristiana. Durante le sei settimane il fedele ha la possibilità di purificarsi nello spirito e nel corpo ad imitazione di Gesù nei quaranta giorni che trascorse nel deserto.

 

Cristo nel Deserto - Kramskoi

Cristo nel deserto. Quadro di Ivan Kramskoi.

 

COS’ALTRO?

Le domeniche, pur non conteggiate, hanno un ruolo importante nell’osservazione della Quaresima. Il periodo quaresimale è, infatti, scandito da cinque domeniche, ognuna delle quali possiede un nome in latino:

Invocabit - Invocabit me, et ego exaudiam eum (salmo 91,15) - "Se mi invocherete, vi ascolterò".

Reminiscere - Reminiscere miserationum tuarum (salmo 25,6) - "Ricordati delle tue misericordie".

Oculi - Oculi mei semper ad Dominum (salmo 25,15) - "I miei occhi sono sempre rivolti al Signore".

Laetare - Laetare, Jerusalem (Isaia 66,10) - "Rallegrati, Gerusalemme".

Judica - Judica me, Deus (salmo 43,1) - "Fammi giustizia, o Dio".

 

La sesta domenica che si associa alla Quaresima è detta Domenica delle Palme e coincide con l’inizio della Settimana Santa. Quest’anno cade il 14 aprile.

 

Visto che il colore liturgico di questo periodo è il viola, dài un’occhiata alla nostra collezione di accessori in Ametista, Cristalli, Pelle e Corda in tinta con la Quaresima.

 

Rosari in Ametista

SCOPRI ORA >