Come da tradizione, ogni anno Piazza San Pietro ospita due dei più importanti simboli natalizi: un gigantesco albero di Natale e un presepe di dimensioni reali, tutti e due provenienti da lontano e con una storia da raccontare.

L’abete che quest’anno si erge di fronte alla Basilica di San Pietro è stato donato dall’Arcidiocesi di Elk, in Polonia. Il fatto che sia di origini polacche lo rese particolarmente speciale, perché fu proprio il nostro Papa polacco, Giovanni Paolo II, a fondare questa tradizione nel 1982. L’albero, di 28 m di altezza e 7 tonnellate di peso, era stato collocato con l’aiuto di una gru ai piedi dell’obelisco; alla sua sinistra, come da tradizione, era stato allestito il presepe.

 

Allestimento Albero di Natale in Vaticano - Arcidiocesi di Elk

 

In quanto alla simbologia della conifera, si dice che il il suo essere sempreverde sta a indicare la capacità della vita di resistere alle prove più dure, in perfetto spirito cristiano. La creazione degli addobbi era stata affidata ai piccoli pazienti oncologici e ai bambini delle zone terremotate nell'ambito di un progetto promosso dalla Fondazione Lene Thun

 

 Fondazione Lene Thun

 

Il presepe del 2017, invece era stato offerto dall’abbazia partenopea di Montevergine. Realizzato da un laboratorio artigianale campano secondo la più autentica tradizione napoletana, il presepe occupava una superficie di 80m2 e contava ben 20 figure.


Presepe in Vaticano - Abbazia di Montevergine

 

NATALE 2018: I DONI DAL NORD ITALIA

Questo Natale, è la volta del Triveneto di omaggiare la culla della Chiesa Cattolica con i suoi doni natalizi. L’albero di Natale che per più di un mese allieterà la vista dei pellegrini è un abete rosso di 22 metri proveniente da Pordenone, in Friuli Venezia Giulia. Arrivato in Piazza San Pietro il 22 novembre, verrà illuminato durante la cerimonia ufficiale del 7 novembre. Non solo bello, ma anche ecosostenibile: il suo sistema di illuminazione, offerto dalla Osram, sarà a basso impatto ambientale.

Il presepe invece ci soprenderà con la sua originalità: sarà realizzato in sabbia compressa! La Natività di sabbia è stata donata dal Patriarcato di Venezia e dal Comune di Jesolo e verrà lavorata dal 17 novembre al 7 dicembre da ben quattro artisti, originari degli Stati Uniti, Russia, Repubblica Ceca e Olanda.  

Come ogni anni, l’inaugurazione del Presepe e l’illuminazione dell’abete avverrà la sera del 7 dicembre in Piazza San Pietro, nella vigilia dell'Immacolata. 

 

Cerchi un presepe artigianale? Sfoglia qui la nostra collezione di scene di Natività artigianali.

 

Presepe - Natale 2018